Ricette del sabato – Tempo di asparagi

Buon sabato mattina a tutti,
oggi come ogni sabato vogliamo condividere con voi una ricetta tipica del nostro territorio.
Oggi proponiamo alcune ricette con gli asparagi, perchè ora è il loro momento dato che iniziano ad essere raccolti verso la fine di marzo.
Sono un ortaggio molto pregiato con poche calorie ma ricco di sali minerali e vitamina E, riconosciuto come tale fin dagli antichi egizi e poi dai romani che sostenevano dessero nuova linfa al corpo.
In Italia vengono coltivati in Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia-Romagna, Lazio e Campania creando circa 200 varietà di questo prodotto. Le tipiche sono quello bianco che si ottiene facendolo maturare sotto teli e quindi senza luce, quello violetto che esce dal terreno e si colora per la luce ed ha un sapore un po’ più amaro, quello verde più riconosciuto e infine quello selvatico che cresce spontaneo.
Le varietà tipiche della nostra zona sono quello bianco e quello verde che si prestano a diverse preparazioni. La loro coltivazione ha preso piede nel comuni di Cimadolmo, Santa Lucia di Piave, Ponte di Piave ecc… che col tempo sono diventate zone di grande importanza.
Ho deciso di portarvi gli asparagi perchè in questo periodo lungo tutto il nostro territorio si organizzano le loro mostre, dato che insieme al radicchio e al prosecco fa parte di quei prodotti tipici che ci vengono riconosciuti.

Iniziamo intanto a capire come pulire questi ortaggi:
Dopo aver tolto lo spago che li unisce ed eliminato quelli marci, iniziate a lavarli sotto l’acqua.  Una volta lavati, poneteli su un panno e asciugateli bene con carta da cucina. Eliminate la parte finale che è un po’ più dura di colore bianco con un pelapatate o un coltellino dall’alto verso il basso finchè lo stelo non sarà bianco ed avrete quindi eliminato la parte verde filamentosa.
(se dovete usarli per i risotti o la pasta potete tagliarli crudi e poi utilizzarli come preferite, tagliate quindi le punte intere o a metà e tagliate il gambo a rondelline).
Altrimenti per altre preparazione potete lessarli : legateli tra di loro in modo che si mantengano verticali (se non avete la pentola apposta potete usarne una larga e riporli orizzontalmente facendo attenzione che l’acqua li ricopra per intero e che non raggiunga un eccessivo bollore perchè le punte si rovinano ) e metteteli nel cestello riempito per 2/3 di acqua portata ad ebollizione (salatela a vostra gusto) tenendo le punte fuori perchè sono più delicate e basta il vapore che fuoriesce per cuocerle. All’incirca ci vorranno tra gli 8 e i 10 minuti per i più grossi, prima di scolarli provate comunque a infilzarli per vedere se sono morbidi ma compatti.
Scolateli e fateli raffreddare un po’ prima di usarli. Ora potete utilizzarli come volete…

Asparagi con le uova?
oppure un risottino??

Commentate con quello che preferite e il prossimo articolo lo fate voi!

Buon week end a tutti da #palazzobrando!